Hayabusa2 si avvicina all’asteroide Ryugu

Ha l’aspetto di un grande diamante spaziale, ma con dei crateri. Si tratta di 162173 Ryugu (che letteralmente vuol dire Castello del Drago) e la missione robotica giapponese Hayabusa2 si sta avvicinando ora a questo asteoride.

Questa ambiziosa missione sta portando con se un’armata di sonde rimuovibili, tra cui due impactor per l’atterraggio, quattro piccoli dispositivi per il sorvolo a bassa quota, tre piccoli hopper di superficie e la Mobile Asteroid Superface Scout (MASCOT) che atterrerà sulla superficie di Ryugu per studiarla da vicino. La maggior parte di questo equipaggiamento è fornito di fotocamere.

Inoltre, Hayabusa2 è programmata per raccogliere campioni della superficie dell’asteroide e riportarli sulla Terra alla fine del 2020 per un’analisi più dettagliata.

Finora ciò che si conosceva dell’asteroide Ryugu era la sua orbita, che si estende per circa un kilometro, e la sua superficie scura che riflette colori inusuali.

Studiare Ryugu ci farebbe scoprire non solo nuovi dettagli della superficie e dell’interno dell’asteroide, ma anche quali materiali erano disponibili per lo sviluppo della vita agli albori del Sistema Solare.

Nell’immagine sono visibili una serie di foto che mostrano i suggestivi rilievi e crateri di Ryugu.

Maggiori dettagli sulla missione Hayabusa2 e sull’asteroide Ryugu li potete trovare QUI.

Crediti: ISAS, JAXA, NASA

 

Speciale Halloween: i "mostri" dell'universo
Ebbene sì, i mostri non esistono solo nei film horror o nei nostri incubi. Anche l'Universo ospita qualche "mostruoso creatura" che ci fa tremare alla sola vista! Stiamo parlando
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
2061: Il Ritorno della Cometa - Recensione del Libro
Un nonno racconta al nipotino una storia. È la sua storia e quella dell'Italia e del mondo, così come l'ha vissuta e come la ricorda. È il passaggio di testimone tra
Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente
Konstantin Ė. Tsiolkovsky: 161 anni dalla nascita
Oggi, il 17 Settembre 1857 nasceva Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij (Tsiolkovsky nella translitterazione anglosassone), il padre teorico della cosmonautica!
A causa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: