Hayabusa2 si avvicina all’asteroide Ryugu

Ha l’aspetto di un grande diamante spaziale, ma con dei crateri. Si tratta di 162173 Ryugu (che letteralmente vuol dire Castello del Drago) e la missione robotica giapponese Hayabusa2 si sta avvicinando ora a questo asteoride.

Questa ambiziosa missione sta portando con se un’armata di sonde rimuovibili, tra cui due impactor per l’atterraggio, quattro piccoli dispositivi per il sorvolo a bassa quota, tre piccoli hopper di superficie e la Mobile Asteroid Superface Scout (MASCOT) che atterrerà sulla superficie di Ryugu per studiarla da vicino. La maggior parte di questo equipaggiamento è fornito di fotocamere.

Inoltre, Hayabusa2 è programmata per raccogliere campioni della superficie dell’asteroide e riportarli sulla Terra alla fine del 2020 per un’analisi più dettagliata.

Finora ciò che si conosceva dell’asteroide Ryugu era la sua orbita, che si estende per circa un kilometro, e la sua superficie scura che riflette colori inusuali.

Studiare Ryugu ci farebbe scoprire non solo nuovi dettagli della superficie e dell’interno dell’asteroide, ma anche quali materiali erano disponibili per lo sviluppo della vita agli albori del Sistema Solare.

Nell’immagine sono visibili una serie di foto che mostrano i suggestivi rilievi e crateri di Ryugu.

Maggiori dettagli sulla missione Hayabusa2 e sull’asteroide Ryugu li potete trovare QUI.

Crediti: ISAS, JAXA, NASA

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
Storia di un campo magnetico morente
Un nuovo articolo pubblicato su Nature Geoscience ripercorre un episodio importante nella storia del nostro campo magnetico. Circa mezzo miliardo di anni fa la Terra lo stava infatti
Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
Sotto terra la gravità è più forte?
La risposta più intuitiva sembra essere “sì". La gravità attira i corpi verso il centro della Terra, quindi se andiamo più vicini al centro, l'attrazione sarà maggiore, no? In fondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: