Florence osservato da un CubeSat

I dati del cubesat TEMPEST-D sono stati qui sovrapposti ad un’immagine del satellite GOES della NOAA, l’ente statunitense preposto all’osservazione terrestre.

I cubesat sono piccolissimi satelliti cubici (da cui il nome), in via di sviluppo per la loro ampia gamma di utilizzo a basso costo, che permette di lanciarne in grande numero andando a costituire costellazioni di satelliti molto numerose.

L’immagine di TEMPEST-D, prototipo sperimentale di cubesat, è una mappatura delle piogge sull’Oceano Atlantico ottenuta tramite le onde radio l’11 settembre scorso. Queste, infatti, passano indisturbate attraverso le nubi ma non attraverso le goccioline di pioggia, permettendo quindi uno studio della loro distribuzione. Il rosso ed il giallo indicano le zone in cui le piogge sono più intense.

Fonte: NASA JPL

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

A tutto plasma! - Respirando l'alta atmosfera
Il 5 Marzo è stato acceso per la prima volta un propulsore elettrico air breathing, cioè un propulsore elettrico in cui entra una miscela di gas attraverso una presa d'aria
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Anche la Cina sogna Marte

In occasione di una conferenza tenutasi a Pechino Wu Weiren, progettista capo del programma di esplorazione lunare cinese, ha dichiarato che Marte sarà il prossimo passo per la Cina. L'obiettivo?
C'è vita là fuori? Le basi dell'Astrobiologia
La ricerca della vita al di fuori della Terra continua ad essere uno dei temi più ricorrenti nella ricerca scientifica in ambito spaziale, in particolare nell'esplorazione
DES: termina oggi la Dark Energy Survey
Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: