Il Delta Clipper Experimental

Il Delta Clipper Experimental (DC-X)
prototipo di un razzo senza pilota in scala 1:3 prodotto dalla McDonell Douglas fra il 1991 ed il 1993 per realizzare un razzo SSTO (Single Stage To Orbit), e quindi riutilizzabile, capace di eseguire un atterraggio morbido sulle proprie gambe (come fanno gli attuali Falcon9 e New Shepard). Fu sviluppato dalla NASA e dal SDIO (Strategic Defence Iniziative Organization).

Il DC-X in fase di volo.
Credits: McDonell Douglas

Il prototipo DC-X non si spinse mai oltre i 2,5 chilometri dalla superficie ed infatti non era suo obiettivo farlo. Il suo obiettivo era verificare che un razzo fosse capace di atterrare verticalmente con le sue sole forze.

Il programma di sviluppo fu cancellato quando ritenuto competitivo verso il progetto dello spazioplano SSTO X-33/Venture Star, ritenuto più interessante, e dunque su cui si è preferito concentrare il budget disponibile. Ne abbiamo parlato in quest’articolo dedicato agli spazioplani. Infatti nell’ottica di usare meno carburante possibile è preferibile usare uno spazioplano in grado di planare dolcemente verso la superficie che un razzo in caduta libera frenato dall’uso dei suoi stessi motori (il che significa consumare ulteriore carburante).

Nonostante ciò anche il programma di sviluppo dell’X-33/Venture Star è stato cancellato nel 2001 a causa di problemi tecnici dovuti alla difficoltà di realizzare alcune parti, come dei particolari contenitori di carburante in materiale composito, cosa che fece slittare la data di ultimazione del primo prototipo di X-33, finché l’SDIO non decise di tagliare i fondi alla Lockeed Martin, che di conseguenza decise che fosse improponibile continuare il progetto senza i fondi del governo.

Molti degli ingegneri che lavorarono al DC-X sono stati assunti dalla Blue Origin, la società aerospaziale del miliardario Jeff Bezos, fondatore di Amazon, dando vita al New Shepard, a cui seguirà il New Glenn.

In Copertina: Immagine costruita con il Delta Clipper in volo durante varie fasi. Fonte

9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
SpaceX: CRS-10
Domani potrete seguire la diretta del lancio del Falcon9 della SpaceX.
Per la compagnia sarà il primo lancio dalla storica piattaforma LC-39A del Kennedy Space Center in Florida, la stessa che fece da
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente
Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: