Termografia di Ryugu

Uno studio dell’asteroide Ryugu usando il Thermal Infrared Imager (TIR) della sonda Hayabusa2 ha permesso di ottenere una mappa tridimensionale della distribuzione di temperatura da 20 km di distanza dalla superficie dell’asteroide.

L’immagine mostra le differenze di temperatura sulla superficie durante una rotazione, con il rosso che indica la temperatura maggiore. Una mappa di questo tipo è utile perché permette di comprendere meglio i dettagli superficiali dell’asteroide, come crateri e massi che portano a differenze misurabili di temperatura. Inoltre, si evidenzia una differenza di temperatura tra gli emisferi nord e sud dell’asteroide: la causa è il ciclo stagionale dovuto all’inclinazione dell’asse di rotazione. Infatti attualmente all’emisfero sud (la parte alta nella figura) è estate.

Quello che è indicato come 4000 nella scala della figura corrisponde a 100°C, mentre la minore è attorno ai 20°C. La temperatura dipende anche dalla distanza dal Sole, e si abbassa quindi nelle fasi orbitali in cui l’asteroide si trova più lontano.

Fonte: JAXA

Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
L'origine del Sistema Solare
"Chi siamo?", "da dove veniamo?", "come possiamo ideare simulazioni abbastanza potenti da simulare un sistema caotico di N corpi in maniera sufficientemente dettagliata da predire la formazione
Due galassie interagenti per Hubble


Alcune galassie sono più difficili da classificare rispetto ad altre. Qui, la fotocamera del telescopio spaziale Hubble WFC3 ha scattatato un'incredibile fotografia di due galassie
L'Angolo dei Paradossi: Il paradosso del barbiere
Il paradosso del barbiere è un paradosso formulato dal filosofo e logico Bertrand Russel nel 1918. Essa costituisce approssimativamente una riformulazione intuitiva, o
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: