Il videogioco alleato del cervello

Quante ore passate o avete passato sui videogiochi? Vi è sembrato tempo perso? E se vi dicessimo che invece tutte quelle ore spese di fronte allo schermo potrebbero essere state utili?

Sembra assurdo ciò che stiamo per dirvi ma è così e ad appurarlo non è solo la nota rivista scientifica Science ma anche uno studio condotto da ricercatori del Politecnico di Chengdu, in Cina con un articolo postato su Nature Scientific Reports.

I ricercatori hanno sottoposto ad una risonanza magnetica 30 giocatori alle prime armi e 27 giocatori esperti per metterli a confronto scoprendo che i giocatori esperti avevano una densità e un volume maggiore dell’insula anteriore e posteriore (corteccia insulare). Queste due aree controllano rispettivamente i processi attenzionali e il coordinamento occhio-mano. Si è potuto appurare quindi che i videogiochi, soprattutto quelli di azione, migliorano le capacità selettive, prestazioni di coordinamento oculo-motorio migliori e una maggiore sensibilità al contrasto.


Figura: Le linee bianche indicano i tratti in cui i ricercatori hanno avuto dei miglioramenti nella comparazione fra giocatori amatori e giocatori professionisti.

Questi risultati, dicono gli autori, suggeriscono che il ricorso ai videogiochi stimoli la plasticità neuronale e l’integrazione funzionale nelle diverse regioni dell’insula, e che potrebbe quindi essere di aiuto nel migliorare le prestazioni sensomotorie degli anziani.

 

L'origine del Sistema Solare
"Chi siamo?", "da dove veniamo?", "come possiamo ideare simulazioni abbastanza potenti da simulare un sistema caotico di N corpi in maniera sufficientemente dettagliata da predire la formazione
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: