Il videogioco alleato del cervello

Quante ore passate o avete passato sui videogiochi? Vi è sembrato tempo perso? E se vi dicessimo che invece tutte quelle ore spese di fronte allo schermo potrebbero essere state utili?

Sembra assurdo ciò che stiamo per dirvi ma è così e ad appurarlo non è solo la nota rivista scientifica Science ma anche uno studio condotto da ricercatori del Politecnico di Chengdu, in Cina con un articolo postato su Nature Scientific Reports.

I ricercatori hanno sottoposto ad una risonanza magnetica 30 giocatori alle prime armi e 27 giocatori esperti per metterli a confronto scoprendo che i giocatori esperti avevano una densità e un volume maggiore dell’insula anteriore e posteriore (corteccia insulare). Queste due aree controllano rispettivamente i processi attenzionali e il coordinamento occhio-mano. Si è potuto appurare quindi che i videogiochi, soprattutto quelli di azione, migliorano le capacità selettive, prestazioni di coordinamento oculo-motorio migliori e una maggiore sensibilità al contrasto.


Figura: Le linee bianche indicano i tratti in cui i ricercatori hanno avuto dei miglioramenti nella comparazione fra giocatori amatori e giocatori professionisti.

Questi risultati, dicono gli autori, suggeriscono che il ricorso ai videogiochi stimoli la plasticità neuronale e l’integrazione funzionale nelle diverse regioni dell’insula, e che potrebbe quindi essere di aiuto nel migliorare le prestazioni sensomotorie degli anziani.

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Chang'e-4 pronta per il lancio
Continua il programma lunare cinese con il lancio della Chang'e-4 previsto per l'8 dicembre. La missione cinese atterrerà per la prima volta sul lato nascosto della Luna, fornendo informazioni
Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Prima nana bruna scoperta grazie a Backyard Worlds: Planet 9
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del Sistema
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: