Una musa di cavi e bulloni

I rivelatori di particelle del Laboratorio Nazionale di Frascati sono stati le stelle indiscusse del contest fotografico Global Physics Photowalk di quest’anno.
Nell’immagine in evidenza potete ammirare in tutta la sua maestosità KLOE2 catturata dallo scatto di Luca Riccioni che ha vinto il primo premio della giuria popolare.
Forse il motivo di questo successo deriva dal fatto che i Laboratori di Frascati hanno ospitato il primo collisore di elettroni e positroni (che sono le antiparticelle degli elettroni, ovvero hanno la stessa massa degli elettroni ma carica opposta), AdA, costruito nel 1961 per accelerare e far scontrare per la prima volta particelle e antiparticelle. Queste collisioni a velocità estremamente elevate producono antimateria, che è costituita da particelle con carica elettrica opposta rispetto a quelle della materia.
Più di 50 anni dopo, la musa della fotografia di Riccioni, KLOE2 sta seguendo un percorso simile lavorando al fianco del collisore DAFNE.
KLOE2 e DAFNE insieme studiano l’antimateria e in particolare il motivo per cui è presente in percentuale molto minore rispetto alla materia.

Crediti: WIRED

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Come funziona un propellente per lanci spaziali?
Il lancio di un razzo o di un missile avviene sprigionando enormi quantità di gas, attraverso reazioni chimiche di combustione generate dai propellenti. Che tipo di sostanze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: