l’Iceberg perfetto

Sembra quasi l’opera di un alieno annoiato oppure dell’Area 51 ma non è così. Si tratta di una particolare specie di iceberg chiamata “tabular iceberg”, e che a differenza del normale Iceberg prende una forma insolita. Potremmo fare l’esempio con un’unghia che cresce troppo a lungo per poi rompersi alla fine.

La NASA in un suo Tweet scrive:

La dimensione era difficile da indovinare, ha detto la signora

Kelly Brunt, ma ha suggerito che fosse probabilmente lunga più di un miglio. E come per tutti gli iceberg, solo il 10% di esso è visibile; il resto è sepolto sotto la superficie dell’acqua. Questa non è stata l’unica forma che gli scienziati hanno individuato mercoledì scorso. Un iceberg triangolare è stato anche visto nelle vicinanze, circondato da diversi tipi di ghiaccio marino. Il ghiaccio marino si presenta in molti tipi e forme, a seconda dello stadio di sviluppo e delle condizioni meteorologiche, atmosferiche e di altre condizioni fisiche.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
Sono le spade laser davvero laser?
Se pensiamo alla leggendaria saga di fantascienza di Star Wars la prima cosa che ci viene in mente sono sicuramente i cavalieri Jedi, con le loro spade laser. Vediamo come e se sarebbe
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona
L'ultimo viaggio di Stephen Hawking
Venerdì scorso è avvenuta la cerimonia in cui sono state interrate le ceneri di Stephen Hawking presso l'Abbazia di Westminster, dove giacciono le spoglie di Newton e Darwin.
A seguito
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Roma Tre punta gli Occhi su Giove
Venerdí 8 giugno 2018 dalle 19:00 a mezzanotte presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre si terrà Occhi su Giove, un evento dedicato al gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: