La Cometa di Natale!

Quest’anno in cielo sarà veramente possibile osservare la cometa di Natale! Infatti la cometa 46P/Wirtanen, scoperta nel 1948, sarà alla minima distanza dalla Terra il 16 dicembre, ad appena 11.5 milioni di km da noi!

Questa cometa percorre un’orbita definita caotica a causa dei numerosi incontri con Giove, in particolare gli ultimi due nel 1972 e nel 1984 ne hanno ridotto notevolmente la distanza perielica. Al momento è visibile con un buon binocolo o un telescopio nella costellazione della Fornace e nel suo moto apparente si sposta verso il Toro. Per dicembre si aspetta una luminosità apparente tra la sesta e la terza magnitudine, ciò significa che molto probabimlmente sarà visibile ad occhio nudo! A questo punto non ci resta che attendere!

Lo #SciPho di oggi ci mostra la cometa 46/P Wirtanen fotografata l’8 di Novembre, da uno dei maestri mondiali di astrofotografia: Damian Peach.

Konstantin Ė. Tsiolkovsky: 161 anni dalla nascita
Oggi, il 17 Settembre 1857 nasceva Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij (Tsiolkovsky nella translitterazione anglosassone), il padre teorico della cosmonautica!
A causa
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
L'ABC della Relatività Generale: le basi, i buchi neri, le onde gravitazionali
La Relatività Generale, una delle opere d'arte della scienza del XX secolo, nonché una delle teorie più temute da chi non la conosce: è davvero
OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: