Scariche di Plasma da 100 secondi nel Wendelstein 7-X

Il secondo round di esperimenti con lo stellarator Wendelstein 7-X del Max Planck Institut für Plasmaphysik, presso la sede di Greifswald si è rivelato un successo!
Attraverso il riscaldamento con le particelle neutre (neutral particle heating), sono stati iniettati atomi di idrogeno ad alta velocità che trasferiscono tramite le collisioni la loro energia alle particelle già presenti, permettendo di ottenere una densità del plasma sopra i 2* 1020 particelle/m3. Contemporaneamente gli elettroni e gli ioni del plasma hanno raggiunto temperature di 20 milioni di gradi centigradi.
Lo stellarator ha anche raggiunto il record di energia confinata attraverso il riscaldamento con microonde, superando 1 Megajoule, per un tempo di confinamento del plasma che ha superato i 100 secondi senza che le pareti del reattore diventassero troppo calde.
La parte finale di questi esperimenti è stata condotta verso la metà di Ottobre di questo anno, a cui in seguito è cominciata la nuova fase di aggiornamento.
Infatti verranno sostituite le piastrelle in grafite del divertore con piastrelle in carbonio-carbonio rinforzato (RCC) raffreddate ad acqua per non sovraccaricare termicamente le pareti del reattore e permettere così scariche anche di 30 minuti.
Per approfondimenti sul Wendelstein 7-X e gli stellarator in generale andate a leggere questo nostro precedente articolo:
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Nell’immagine potete ammirare la sezione in torsione della camera dello stellarator mentre viene attraversata dal plasma con oltre 1 Megajoule di energia.

Fonte: IPP

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte I
Questo è il primo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell'atmosfera terrestre: dalla composizione dell'aria che respiriamo
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
InSight - approfondimento sulla missione della NASA
InSight, la nuova missione marziana della NASA è in arrivo sul Pianeta Rosso. L'obiettivo? Studiare l'interno di Marte per capirne più a fondo i processi che lo hanno
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: