Il cratere dell’eclissi

Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell’ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l’eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo dettaglio impercettibile ad occhio nudo: un piccolo asteroide ha colpito la superficie lunare creando un nuovo cratere, proprio sotto gli occhi di milioni di persone.

Di nuovi crateri sulla Luna ce ne sono circa 140 l’anno, quindi non si tratta affatto di un fenomeno raro, che genera stupore proprio per la sua concomitanza con l’eclissi. L’oggetto che ha impattato aveva un diametro di circa 10 metri, sufficienti per vedere l’impatto in molti telescopi che stavano fotografando o registrando l’evento, come si può vedere in questo video.

Monitorare gli impatti è utile perché permette di ottenere preziose informazioni sull’ambiente esterno alla protezione della nostra atmosfera.

Gli impatti sulla Luna nell’intervallo 2005-2018 così come monitorati dalla NASA. Credits: NASA

L’impatto è avvenuto alle 4:41:43 UTC, quindi se avete foto o video dell’evento potete provate a cercare il piccolo flash dell’impatto!

L’immagine di copertina è proprietà di Jose M. Madiedo.

SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: