Il cratere dell’eclissi

Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell’ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l’eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo dettaglio impercettibile ad occhio nudo: un piccolo asteroide ha colpito la superficie lunare creando un nuovo cratere, proprio sotto gli occhi di milioni di persone.

Di nuovi crateri sulla Luna ce ne sono circa 140 l’anno, quindi non si tratta affatto di un fenomeno raro, che genera stupore proprio per la sua concomitanza con l’eclissi. L’oggetto che ha impattato aveva un diametro di circa 10 metri, sufficienti per vedere l’impatto in molti telescopi che stavano fotografando o registrando l’evento, come si può vedere in questo video.

Monitorare gli impatti è utile perché permette di ottenere preziose informazioni sull’ambiente esterno alla protezione della nostra atmosfera.

Gli impatti sulla Luna nell’intervallo 2005-2018 così come monitorati dalla NASA. Credits: NASA

L’impatto è avvenuto alle 4:41:43 UTC, quindi se avete foto o video dell’evento potete provate a cercare il piccolo flash dell’impatto!

L’immagine di copertina è proprietà di Jose M. Madiedo.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
SpaceX: CRS-10
Domani potrete seguire la diretta del lancio del Falcon9 della SpaceX.
Per la compagnia sarà il primo lancio dalla storica piattaforma LC-39A del Kennedy Space Center in Florida, la stessa che fece da
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
L'origine del Sistema Solare
"Chi siamo?", "da dove veniamo?", "come possiamo ideare simulazioni abbastanza potenti da simulare un sistema caotico di N corpi in maniera sufficientemente dettagliata da predire la formazione
1,2,3 stella: quando una supergigante scompare.
Avete capito bene, un stella scomparsa. No non è un thriller astronomico e neanche uno scherzo, si tratta di una vera e propria supergigante rossa grande 25 volte quanto
Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: