Storia di un campo magnetico morente

Un nuovo articolo pubblicato su Nature Geoscience ripercorre un episodio importante nella storia del nostro campo magnetico. Circa mezzo miliardo di anni fa la Terra lo stava infatti perdendo, ma la solidificazione del nucleo interno lo impedì.

Abbiamo parlato in un precedente articolo del meccanismo di funzionamento dei campi magnetici planetari (lo trovate qui). Se le condizioni necessarie a innescare la formazione di una dinamo planetaria e quindi di un campo magnetico vengono meno, il campo magnetico diminuisce di intensità fino ad annullarsi come è avvenuto su Marte.

L’esaurimento del campo porta al libero passaggio dei raggi cosmici e venti solari attraverso l’ambiente terrestre, inibendo con ogni probabilità la formazione della vita.

Finora non si aveva idea di quando il nucleo solido terrestre si potesse essere formato (alla formazione del Sistema Solare il pianeta era molto caldo e quindi perlopiù allo stato fluido). Lo studio dell’evoluzione del campo magnetico può tuttavia venire in aiuto in quanto i minerali magnetizzabili mantengono una traccia dello stato del campo magnetico al momento della loro solidificazione. In Quebec gli autori dell’articolo hanno analizzato dei minerali di questo tipo risalenti a circa 565 milioni di anni fa, un periodo noto come Ediacarano, in una delle formazioni rocciose più antiche che si possano trovare sulla Terra. Si trattava di inclusioni magnetiche in cristalli di clinopirosseno e plagioclasio.

Dallo studio delle tracce lasciate dal campo magnetico su questi minerali, gli autori sono quindi riusciti a determinare la sua intensità, rilevando che era molto prossima allo zero, con il valore più basso mai registrato a partire da dati paleomagnetici. Tuttavia oggi non è zero e ci difende attivamente dalle radiazioni dannose provenienti dall’ambiente esterno alla Terra. L’inversione della tendenza sembra consistente proprio con la possibilità che in quel periodo il nucleo si sia solidificato. Solidificandosi, infatti, avrebbe indotto un processo di differenziazione, con gli elementi più pesanti diretti verso il basso e gli elementi più leggeri diretti verso l’alto. Ciò significa la formazione di moti convettivi che avrebbero potuto riavviare la morente dinamo planetaria.

Fonte: LeScienze, Nature Geoscience

N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Chang'e-4: la Cina è atterrata sulla Luna

Lanciata l'8 dicembre scorso, la Chang’e-4 è per la prima volta atterrata sul lato nascosto della Luna, e potrà fornirci informazioni incredibili sulla sua formazione e storia
Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione
Farout, il pianeta nano più lontano dal Sole (per ora)

Situato ad una distanza dal Sole circa 100 volte maggiore di quella della Terra, 2018 VG18 'Farout' è a tutti gli effetti l'oggetto più lontano ad oggi noto nel
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: