Le sosia di Eta Carinae

Eta Carinae è la stella più luminosa e massiccia tra quelle site a meno di 10 000 anni luce dalla Terra ed è particolarmente rinomata per la sua grande eruzione che negli anni 40 dell’800 la ha portata ad espellere l’equivalente di 10 masse solari nello spazio.

Questa enorme massa si trova, in espansione, ancora nei dintorni della stella sotto forma di gas.

Eta Carinae si trova a circa 7500 anni luce di distanza da noi, nella costellazione della Carena. È in realtà un sistema binario in cui le due componenti sono stimate di 90 e 30 masse solari.

Si tratta dell’unico oggetto di questa tipologia noto ad oggi nella nostra galassia, ma altrove sono state trovate diverse stelle simili. In particolare, in uno studio del 2016 sono state trovate ben 5 stelle di tale tipologia, tasselli fondamentali nella comprensione di come possa avvenire questo tipo di eruzione. Le 5 stelle trovate hanno infatti proprietà ottiche simili alla nostra Eta Carinae, in cui una stella molto massiccia è circondata da una nube molto massiccia di polveri e gas, indicando che molto probabilmente abbiano vissuto una fase eruttiva simile.

Si tratta di fenomeni rari e non ancora ben compresi ma che potrebbero fornirci informazioni fondamentali nello studio di stelle di grande massa.

Fonte: Hubblesite.org

20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
Asteroide o cometa? La storia di 6478 Gault

Una collaborazione tra osservatori terrestri e telescopi spaziali ha portato ad osservare l'autodistruzione di 6478 Gault, un inusuale tipo di asteroide. Lo studio su Astrophysical
Farout, il pianeta nano più lontano dal Sole (per ora)

Situato ad una distanza dal Sole circa 100 volte maggiore di quella della Terra, 2018 VG18 'Farout' è a tutti gli effetti l'oggetto più lontano ad oggi noto nel
La Morte di Cassini
Ci siamo quasi, si avvicina uno dei momenti più tristi del 2017. La sonda Cassini ci ha regalato tantissime fotografie e dati su Saturno, ma ormai è arrivato il momento di mandarla in pensione e perciò
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Sono le spade laser davvero laser?
Se pensiamo alla leggendaria saga di fantascienza di Star Wars la prima cosa che ci viene in mente sono sicuramente i cavalieri Jedi, con le loro spade laser. Vediamo come e se sarebbe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: