Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri

La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti nel sistema di Alfa Centauri, la stella più vicina alla Terra. L’accordo con l’European Southern Observatory firmato ad inizio gennaio.

Alfa Centauri. Credits: NASA/ESA HST

La Breakthrough Initiatives, promossa nel 2015 dal magnate russo Yuri Milne, è nota per finanziare grandi imprese alla ricerca di vita extrasolare, come il programma Starshot annunciato ad aprile scorso, il quale prevede il lancio di nanosonde verso il sistema di Alfa Centauri, il più vicino alla Terra.

Il Very Large Telescope (VLT), situato nel deserto di Atacama, in Cile, è uno dei più grandi telescopi al mondo e grazie all’accordo firmato tra la Breakthrough Initiatives e l’European Southern Observatory (ESO), riceverà un importante potenziamento che gli consentirà di cercare più agevolmente pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri.

La scoperta nel 2016 di Proxima b attorno a Proxima Centauri, la terza e meno luminosa stella del sistema stellare triplo di Alfa Centauri ha dato un forte impulso a questo tipo di ricerche.

Scoprire un pianeta extrasolare abitabile è una grande sfida tecnologica a causa della luminosità della stella ospite di gran lunga maggiore dei segnali provenienti dal pianeta. Uno dei modi attraverso i quali è possibile ridurre la differenza di luminosità tra stella e pianeta è quella di osservare nel medio-infrarosso, lunghezza d’onda alla quale si ha il massimo dell’emissione termica (il mezzo tramite il quale i pianeti rilasciano l’energia radiativa accumulata nel lato diurno) di un pianeta. Ma anche in questo modo la luce della stella resta estremamente più grande di quella emessa dal pianeta.

La tecnologia per il medio-infrarosso già esiste sul VLT, ma potrebbe aumentare notevolmente la qualità dell’immagine se venissero utilizzate ottiche adattive e coronografi. Le prime sono ottiche che permettono di correggere il rumore delle immagini dovute ai moti atmosferici; i secondi sono dei dispositivi che coprono il disco della stella, oscurando parte della sua luminosità e permettendo quindi osservare meglio quella dei pianeti circostanti. L’iniziativa di Milne pagherà una buona parte dei costi che servono per implementare queste tencnologie.

Rivelare pianeti potenzialmente abitabili sarà uno degli obiettivi principali dell’European Extremely Large Telescope (E-ELT), in costruzione nello stesso deserto di Atacama, che grazie al maggiore diametro sarà in grado di compiere osservazioni simili a quelle del VLT anche su stelle più lontane di Alfa Centauri, seppur sempre nella Via Lattea.

Fonte: http://breakthroughinitiatives.org/News/8

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: