Le dune scure di Marte fotografate dall’MRO

http://photojournal.jpl.nasa.gov/figures/PIA12289_fig1.jpg

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA12289_modest.jpg

Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo, tendenzialmente bianco e luminoso; su Marte, tuttavia, la maggior parte della sabbia è costituita di scuro basalto, una roccia vulcanica, e per questo risultano molto più scure delle dune terrestri.

Queste fotografie sono state scattate dal Mars Reconnaissance Orbiter nel cratere di Wirtz e per la loro forma sono classificate come barcane. Il pendìo più ripido è situato sulla destra della fotografia (a Est), parzialmente in ombra, e rappresenta la direzione in cui la duna sta migrando, trasportata granulo a granulo dalla forza del vento.

Sulla maggior parte della superficie delle dune sono inoltre visibili ripples, concettualmente simili alle dune, ma molto più piccoli e più rapidi nelle migrazioni e negli spostamenti. Le striature scure sulle dune sono le impronte lasciate dai diavoli di polvere, piccoli vortici tipici di ambienti desertici, che rimuovendo lo strato di polvere adagiato sulla duna espongono all’esterno il substrato più scuro della duna.

Fonte: http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA12289

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
La Morte di Cassini
Ci siamo quasi, si avvicina uno dei momenti più tristi del 2017. La sonda Cassini ci ha regalato tantissime fotografie e dati su Saturno, ma ormai è arrivato il momento di mandarla in pensione e perciò
A caccia di Asteroidi!
Le missioni spaziali non hanno come unico obiettivo i corpi celesti di grandi dimensioni, come i pianeti del nostro sistema solare e le loro lune, ma anche i corpi celesti più piccoli: gli asteroidi.

Vediamo
Forma dell'Universo: un'introduzione

"Spiegare un singolo fenomeno può coinvolgere molte, se non tutte, leggi fondamentali [della Fisica]. Forse, il primo problema in Fisica che l'Uomo ha provato a risolvere per pura
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: