I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che contiene molto ghiaccio d’acqua mescolato alla terra tende a fratturarsi in strutture poligonali contornate da brevi canali dritti. Nella regione polare sud di Marte questo tipo di terreno può essere coperto stagionalmente da una cappuccio polare composto di ghiaccio.

Quando in primavera questa calotta stagionale sublima (passa dallo stato solido al gassoso), del gas intrappolato al di sotto dello strato di ghiaccio si fa strada attraverso un’apertura disponibile. In corrispondenza dello scioglimento del ghiaccio sono visibili canali rettangolari che vengono sfruttati per la fuga dal gas. Ad esempio il diossido di carbonio rende parzialmente curvilinei questi canali altrimenti rettilinei.

http://photojournal.jpl.nasa.gov/figures/PIA11238_fig1.jpg

Segni di questo tipo sarebbero probabilmente rintracciabili anche a latitudini più basse, vista la variabilità dell’inclinazione dell’asse di rotazione marziano.

L’inclinazione dell’asse terrestre è di circa 23,5° e a causa della presenza della Luna questa inclinazione resta sostanzialmente costante nel tempo. Su Marte tuttavia una luna di tali proporzioni non esiste e perciò l’inclinazione dell’asse può facilmente variare nel tempo.
Attualmente infatti l’inclinazione di Marte è molto simile a quella della Terra (circa 25°), ma tramite simulazioni del Sistema Solare è stato ricavato che può subire variazioni che lo portano ad avere delle inclinazioni comprese tra 10° e 45°.
Quando l’inclinazione è di 45° i cappucci polari di ghiaccio, la cui estensione varia a causa dell’esposizione dei poli alla radiazione solare, possono diventare enormi, come si vede in questa illustrazione.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Fonte: NASA/JPL Photojournal

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Chang'e-4: la Cina è atterrata sulla Luna

Lanciata l'8 dicembre scorso, la Chang’e-4 è per la prima volta atterrata sul lato nascosto della Luna, e potrà fornirci informazioni incredibili sulla sua formazione e storia
C'è Spazio Per Tutti, Rat-Man arriva sull'ISS - Recensione del fumetto
Paolo Nespoli è un grande astronauta italiano, attualmente per la terza volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rat-Man è il simpaticissimo
Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
Sono le spade laser davvero laser?
Se pensiamo alla leggendaria saga di fantascienza di Star Wars la prima cosa che ci viene in mente sono sicuramente i cavalieri Jedi, con le loro spade laser. Vediamo come e se sarebbe

2 pensieri riguardo “I segni dei ghiacci polari di Marte

  • Novembre 11, 2017 in 10:07 am
    Permalink

    Molto interessanti sono queste pubblicazioni scientifiche e vi ringrazio.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: