Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione

Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo statunitense Alan Stern è quella di definire cosa sia un pianeta e cosa non lo sia in base a proprietà intrinseche dell’oggetto e non a caratteristiche orbitali. Così però il Sistema Solare diventerebbe composto da oltre 100 pianeti, invece che dagli 8 attuali.

La definizione di Stern è di tipo geofisico ed è la seguente:

“Un pianeta è un corpo di massa substellare nel quale non siano mai avvenuti processi di fusione nucleare e che ha sufficiente autogravità da assumere una forma sferoidale adeguatamente descritto da un ellissoide triassiale, senza tenere in considerazione i suoi parametri orbitali.”

Che significa che non prendendo in considerazione l’orbita dell’oggetto ma solo la sua forma (a patto che non sia una stella), rientrerebbero in questa categoria anche i molti pianeti nani ed asteroidi sferoidali esistenti nel Sistema Solare. Ma non finisce qui, perché anche molti satelliti dei pianeti rientrerebbero nella definizione: la nostra Luna, i 4 satelliti medicei di Giove, alcuni satelliti di Urano, Nettuno e Saturno. Insomma, se questa proposta venisse accettata ci ritroveremmo improvvisamente con un Sistema Solare estremamente ricco di pianeti, che arriverebbero ad essere ben 110.

A prescindere che questa proposta venga accettata o meno, l’attuale definizione di pianeta dell’IAU resta comunque non soddisfacente. Un pianeta è attualmente definito tale se:

  1. Orbita attorno al Sole;
  2. Possiede dimensioni sufficienti da trovarsi in equilibrio idrostatico, ossia è approssimativamente sferoidale;
  3. Ha ripulito la sua orbita dai detriti.

Questa definizione letteralmente non prende in considerazione gli esopianeti in quanto non orbitano attorno al Sole, né i pianeti espulsi dai propri sistemi planetari, che vagano liberi. Oltre a ciò, il punto 3 non può mai essere completamente soddisfatto a causa dei continui moti di oggetti e detriti all’interno del Sistema Solare. I numerosi asteroidi che talvolta vagano vicino alla Terra ne sono un esempio, in quanto possono intersecare l’orbita terrestre.

Fonte: http://www.hou.usra.edu/meetings/lpsc2017/pdf/1448.pdf

Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Le 365 foto del Sole nel 2016

L'ESA ha pubblicato una foto del Sole per ogni giorno del 2016. Le fotografie sono state scattate dal satellite Proba-2. Lo strumento SWAP a bordo del satellite lavora nell'Ultravioletto
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: