Dawn trova ghiaccio su Cerere

Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell’INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell’INAF di Roma hanno analizzato una serie di strutture geologiche sulla superficie del pianeta utilizzando i dati della Framing Camera di Dawn, la missione NASA che ha fatto un giretto attorno a Vesta e Cerere, concentrando la propria attenzione su quelle legate al movimento di fluidi ricchi di polveri (come i nostri ghiacciai).

Una volta individuate le zone geologicamente interessanti, si è passati a studiare la quantità di ghiaccio presente tramite lo spettrometro VIR. Il risultato è stato che la densità di ghiaccio è risultata maggiore ai poli e minore all’equatore. In particolare la concentrazione di ghiaccio nel cratere Oxo è risultata particolarmente elevata: in generale si va da un 10% ad un 50% in volume a seconda della categoria geomorfologica a cui appartiene la superficie interessata. 

Su Cerere è stata osservata anche la sublimazione di tale ghiaccio,  ed uno dei prossimi obiettivi è proprio quello di capire come tale sublimazione possa avvenire.

Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Che cosa sono e da dove vengono le comete?
Le comete sono degli oggetti con una lunga tradizione di osservazioni, che spesso si mescola alla storia, alla mitologia ed ai racconti popolari, a causa del loro aspetto spettacolare
Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: