Dawn trova ghiaccio su Cerere

Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell’INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell’INAF di Roma hanno analizzato una serie di strutture geologiche sulla superficie del pianeta utilizzando i dati della Framing Camera di Dawn, la missione NASA che ha fatto un giretto attorno a Vesta e Cerere, concentrando la propria attenzione su quelle legate al movimento di fluidi ricchi di polveri (come i nostri ghiacciai).

Una volta individuate le zone geologicamente interessanti, si è passati a studiare la quantità di ghiaccio presente tramite lo spettrometro VIR. Il risultato è stato che la densità di ghiaccio è risultata maggiore ai poli e minore all’equatore. In particolare la concentrazione di ghiaccio nel cratere Oxo è risultata particolarmente elevata: in generale si va da un 10% ad un 50% in volume a seconda della categoria geomorfologica a cui appartiene la superficie interessata. 

Su Cerere è stata osservata anche la sublimazione di tale ghiaccio,  ed uno dei prossimi obiettivi è proprio quello di capire come tale sublimazione possa avvenire.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Speciale Halloween: i "mostri" dell'universo
Ebbene sì, i mostri non esistono solo nei film horror o nei nostri incubi. Anche l'Universo ospita qualche "mostruoso creatura" che ci fa tremare alla sola vista! Stiamo parlando
Storia di un campo magnetico morente
Un nuovo articolo pubblicato su Nature Geoscience ripercorre un episodio importante nella storia del nostro campo magnetico. Circa mezzo miliardo di anni fa la Terra lo stava infatti
I ghiacciai pedemontani dell'isola di Ellesmere

L'immagine, ottenuta tramite il satellite Terra della NASA il 26 luglio 2009, ritrae il ghiacciaio di Turnabout, situato nell'isola canadese di Ellesmere. Si tratta di
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: