400 Anni dalla scoperta della Terza Legge di Keplero

Quattrocento anni fa, il 15 Maggio 1618 Giovanni Keplero scoprì la semplice legge matematica che governa le orbite dei pianeti del sistema solare, oggi riconosciuta come la Terza Legge di Keplero del moto planetario.
A quel tempo viveva in questa alta palazzina a la Hofgasse, una stretta via vicina al castello ed alla piazza principale della città di Linz, Austria, pianeta Terra.
Solo di recente è stata identificata questa residenza (Hofgasse 7) come il luogo in cui Keplero scoprì la sua terza legge.
Erick Meyer, della Società Astronomica di Linz è stato in grado di risolvere questo mistero storico, in parte grazie alle descrizioni delle osservazioni di Keplero stesso sulle eclissi lunari. Keplero fu una figura chiave nella rivoluzione scientifica del 17° secolo, supportò le scoperte di Galileo ed il sistema Copernicano in cui i pianeti ruotano attorno al Sole invece che attorno la Terra. Mostrò che i pianeti si muovono in ellissi in cui il Sole occupa uno dei due fuochi (Prima Legge di Keplero), i pianeti si muovono proporzionalmente più velocemente nelle loro orbite quando sono più vicini al Sole (Seconda Legge di Keplero), descritta come velocità areolare = costante

fonte

conseguenza della conservazione del momento angolare; e che quei pianeti più lontani impiegano proporzionalmente più tempo per orbitare attorno al Sole (Terza Legge di Keplero), descritta come
T2 = K*a3
ovvero che il quadrato del periodo orbitale è proporzionale al cubo della distanza (se misuriamo i periodi in anni solari e le distanze in unità astronomiche K=1).

fonte

Fonte: APOD. In Copertina: l’indirizzo 7 di via Hofgasse. Credits: Erick Meyer

L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
C'è Spazio Per Tutti, Rat-Man arriva sull'ISS - Recensione del fumetto
Paolo Nespoli è un grande astronauta italiano, attualmente per la terza volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rat-Man è il simpaticissimo
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: