Un buco nero da record

Gli astronomi dell’Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell’aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento tra i buchi neri ad oggi noti.

Una massa solare ogni due giorni, divorata a circa 12 miliardi di anni luce di distanza da noi. Questi sono i numeri del buco nero supermassiccio da 20 miliardi di masse solari scoperto dal team di astronomi dell’Australian National University in un articolo pubblicato in pre-print su ArXiv.org in questi giorni.

Ma se è un buco nero, come facciamo a vederlo? In realtà l’oggetto in questione, di magnitudine relativa 16.9, sembra emettere tantissima luce a causa dell’attrito generato dal gas in caduta su di esso. Situato al centro della Via Lattea, apparirebbe 10 volte più luminoso della nostra Luna. Il nome utilizzato per questo fenomeno è quello di Quasar (Quasi-stellar objects), fenomeno del quale fino a tempi molto recenti non se ne comprendeva la natura.

Buchi neri supermassicci così grandi sono estremamente rari e difficili da trovare, in quanto si tratta perlopiù di oggetti molto antichi e lontani, ed in questo caso un passo decisivo nella ricerca lo hanno fornito i dati del satellite Gaia dell’ESA e dello SkyMapper di WISE.

Fonte: ArXiv.org

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Le onde gravitazionali di LIGO mettono alla prova la Relatività Generale
Le onde gravitazionali sono l'ennesima conferma della teoria della Relatività Generale di Einstein, eppure potrebbero nascondere anche un aspetto
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: