La Nebulosa di Gum in espansione

Nominata così per un cacciatore di nebulose cosmiche, l’astronomo australiano Colin Stanley Gum (1924-1960), la Nebulosa di Gum è così grande e vicina che in realtà è difficile da vedere. Ci troviamo a circa 450 anni luce dal bordo anteriore e 1.500 anni luce dal bordo posteriore di questa distesa interstellare di idrogeno incandescente. In questa vista ampia 40 gradi di immagini di idrogeno-alfa la debole regione di emissione è coperta da questo mosaico monocromatico che si staglia sullo sfondo delle stelle della Via Lattea. Si ritiene che la nebulosa sia un residuo di supernova (o più di una) di oltre un milione di anni fa, e si estende lungo le costellazioni meridionali della Vela e della Poppa. Questa spettacolare ampia vista esplora anche molti oggetti incorporati nella Nebulosa di Gum, tra cui i resti della più giovane supernova Vela.
Immagine intera

Fonte: APOD

Credits: John Gleason

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il cratere dell'eclissi
Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell'ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l'eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo
Il premio Nobel per la Fisica 2016
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. La commissione di Stoccolma ha infatti scelto come
Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
Cos'è il Solstizio d'Estate
Il 21 giugno 2018, alle 12:07, ricorre il solstizio d'Estate. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione calda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: