Cerealia Facula: Il punto più luminoso di Cerere

Cerealia Facula, noto anche come il punto più luminoso di Cerere, è mostrato in questa vista ravvicinata attraverso questo splendido mosaico. I dati dell’immagine ad alta risoluzione sono stati registrati dalla sonda spaziale Dawn in un’orbita circolare da un’altitudine di soli 34 chilometri sopra la superficie del pianeta nano. Cerealia Facula è larga circa 15 chilometri e si trova al centro del cratere Occator di 90 chilometri di diametro. Come gli altri punti luminosi (facule) sparsi per Cerere Cerealia Facula non è ghiaccio ma un residuo salino esposto con una riflettività simile a quella della neve sporca. Si ritiene che il residuo sia principalmente carbonato di sodio [Na2CO3] e cloruro di ammonio [NH4Cl] proveniente da una salamoia fangosa all’interno o al di sotto della crosta del pianeta nano, (potete leggere il nostro approfondimento a riguardo qui). Spinto da una propulsione ionica avanzata per una missione della durata di 11 anni (ne avevamo già parlato qui), Dawn ha esplorato l’asteroide della cintura principale Vesta prima di recarsi a Cerere. Ci si aspetta che tra questo agosto e ottobre il veicolo spaziale interplanetario finisca il carburante per i suoi propulsori di idrazina che controllano l’assetto, con la conseguente perdita ddello stesso, che rappresenta un rischio potenziale di perdere potenza dato che i pannelli fotovoltaici potrebbero perdere l’orientamento con il Sole e capacità di comunicare con la Terra. Nel frattempo Dawn continuerà a esplorare Cerere con dettagli senza precedenti, e alla fine si ritirerà nella sua orbita attorno al piccolo mondo.

Clicca qui per l’immagine in alta risoluzione

Fonte: NASA
Credits: JPL-Caltech

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
I semi della Chang'e-4, facciamo chiarezza

Sono germogliati o no? Sono vivi o sono morti? Le foto erano dalla Luna o dalla Terra? Insieme alle piante c'erano bachi da seta o moscerini da frutta? Sono morti a causa di
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: