La Mappa degli Aerosol nell’Atmosfera

Questa mappa mostra la distribuzione globale di aerosol al 23 agosto 2018. Si chiama Goddard Earth Observing System Forward Processing, per gli amici GEOS FP, e utilizza una combinazione di satelliti per l’osservazione terrestre e dati presi dalla superficie terrestre per calcolare l’abbondanza di aerosol nei vari strati atmosferici.

Gli aerosol sono le particelle solide o liquide che restano in sospensione nell’atmosfera terrestre e che influiscono in maniera determinante sui processi di diffusione (scattering), responsabili delle variazioni di temperatura atmosferica.

Per approfondire: Come funziona l’atmosfera Terrestre: Parte I, Parte II e Parte III

Questo modello del 23 agosto mostra in rosso le particelle di carbonio da processi di combustione, come fumo e fuochi (non a caso in questa estate incendiata in USA e Canada, la concentrazione è molto alta nei loro cieli). In blu invece gli aerosol di sali marini, portati in atmosfera dai tifoni vicino alle coste del Giappone e della Corea del Sud, o dagli uragani alle Hawaii. La polvere è in viola sui deserti africani ed asiatici.

Nell’immagine sono inoltre ben visibili le luci notturne che indicano gli agglomerati urbani.

Fonte: NASA APOD

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
Il Sole è nato in un sistema binario? Forse sì
Un nuovo studio, pubblicato da Steven Stahler e Sarah Sadavoy dell'università di Berkeley e di Harvard, sembra indicare che tutte le stelle, e quindi anche il nostro Sole,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: