Un Buco Nero Supermassivo nella nostra galassia

Molte Galassie ospitano al loro centro un Buco Nero, spesso supermassivo, e questo è vero anche per la nostra galassia: la Via Lattea. Avendo fatto uso del VLT (Very Large Telescope) della ESO (European Southern Observatory), gli astronomi hanno ora forti evidenze dell’esistenza di un Buco Nero, con una massa pari a 4 milioni di volte la massa del sole, al centro della nostra galassia.

Il “nostro” Buco Nero si chiama Sagittarius A* e la materia gli ruota attorno ad una velocità che è pari al 30% di quella della luce e l’accelerazione che si percepirebbe sulla sua superficie è di 1 180 955 m/s² (si confronti con i 9.81 m/s² del nostro pianeta Terra).

Non dobbiamo preoccuparci di ciò: siamo sufficientemente distanti da esso (ci vogliono 26 mila anni luce per raggiungerlo) da non esserne divorati o distrutti. Addirittura, dovremmo ringraziare il fatto che esista: se la nostra galassia è stabile ed è in grado di “ospitarci” è anche grazie a lui ed al suo ruolo di “collante” per la Via Lattea.

Se volete saperne di più sui buchi neri vi invito a dare una letta a:
https://www.cronachedalsilenzio.it/2018/10/01/buchi-neri-le-basi-per-capire-questi-straordinari-mostri-cosmici/

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
Kepler-1625b-I: la prima candidata Esoluna
La ricerca dei pianeti extrasolari è attualmente una delle maggiori sfide tecnologiche in campo astrofisico, in quanto richiedono enorme precisione della strumentazione e grande
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Tiangong-1: chi rompe paga? Le politiche internazionali sui danni spaziali
Ce lo stiamo chiedendo in molti: se la Tiangong-1 dovesse cadere in un centro abitato, chi risarcirà i danni? Esistono degli accordi internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: