Un Buco Nero Supermassivo nella nostra galassia

Molte Galassie ospitano al loro centro un Buco Nero, spesso supermassivo, e questo è vero anche per la nostra galassia: la Via Lattea. Avendo fatto uso del VLT (Very Large Telescope) della ESO (European Southern Observatory), gli astronomi hanno ora forti evidenze dell’esistenza di un Buco Nero, con una massa pari a 4 milioni di volte la massa del sole, al centro della nostra galassia.

Il “nostro” Buco Nero si chiama Sagittarius A* e la materia gli ruota attorno ad una velocità che è pari al 30% di quella della luce e l’accelerazione che si percepirebbe sulla sua superficie è di 1 180 955 m/s² (si confronti con i 9.81 m/s² del nostro pianeta Terra).

Non dobbiamo preoccuparci di ciò: siamo sufficientemente distanti da esso (ci vogliono 26 mila anni luce per raggiungerlo) da non esserne divorati o distrutti. Addirittura, dovremmo ringraziare il fatto che esista: se la nostra galassia è stabile ed è in grado di “ospitarci” è anche grazie a lui ed al suo ruolo di “collante” per la Via Lattea.

Se volete saperne di più sui buchi neri vi invito a dare una letta a:
https://www.cronachedalsilenzio.it/2018/10/01/buchi-neri-le-basi-per-capire-questi-straordinari-mostri-cosmici/

Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
Un telescopio fatto in casa
Ospitiamo il contributo di Dante Bissiri, utente della nostra community, che ci racconta la sua esperienza nella costruzione di un telescopio fatto in casa.
Era il 1978 quando decisi di costruire
La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: