L’alba di Io

Io, luna di Giove, immortalato dalla JunoCam della sonda della NASA Juno mentre sale sopra l’orizzonte di Giove.

Io è il più vicino, dei satelliti medicei (Io, Europa, Ganimede e Callisto) e fu scoperto da Galileo Galilei nel 1610. Poco più grande della nostra Luna, Io è uno dei luoghi vulcanicamente più attivi del Sistema Solare. Questa attività vulcanica è dovuta alla vicinanza con Giove ed all’azione degli altri satelliti Medicei, che generano un ambiente molto energetico al suo interno. Io è in risonanza 1:1 (come la Luna con la Terra) e pertanto rivolge sempre la stessa faccia al Gigante Gassoso.

Questa foto è stata ottenuta alle 2:26 p.m. EDT del 29 ottobre, durante il sedicesimo sorvolo di Giove, da una distanza di 18 400 chilometri sullo strato più alto visibile delle nubi. La latitudine è circa 30°S. L’immagine grezza è stata poi riprocessata dai citizen scientist Gerald Eichstädt e Justin Cowart per ottenere questa bellissima immagine di Io.

Fonte: NASA Photojournal

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Giove, il gigante: introduzione
Il prossimo 4 luglio la sonda JUNO arriverà in orbita attorno a Giove. Durante l'attesa di questo avvenimento verranno pubblicati su questo blog una serie di approfondimenti riguardo il
A tutto plasma! - Respirando l'alta atmosfera
Il 5 Marzo è stato acceso per la prima volta un propulsore elettrico air breathing, cioè un propulsore elettrico in cui entra una miscela di gas attraverso una presa d'aria
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Nuclei Galattici Attivi nelle Meduse
Il vento di gas generato dal moto della galassia può generare un Nucleo Galattico Attivo a partire dal buco nero centrale. Lo studio pubblicato su Nature ed eseguito da un team dell'INAF
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: