L’alba di Io

Io, luna di Giove, immortalato dalla JunoCam della sonda della NASA Juno mentre sale sopra l’orizzonte di Giove.

Io è il più vicino, dei satelliti medicei (Io, Europa, Ganimede e Callisto) e fu scoperto da Galileo Galilei nel 1610. Poco più grande della nostra Luna, Io è uno dei luoghi vulcanicamente più attivi del Sistema Solare. Questa attività vulcanica è dovuta alla vicinanza con Giove ed all’azione degli altri satelliti Medicei, che generano un ambiente molto energetico al suo interno. Io è in risonanza 1:1 (come la Luna con la Terra) e pertanto rivolge sempre la stessa faccia al Gigante Gassoso.

Questa foto è stata ottenuta alle 2:26 p.m. EDT del 29 ottobre, durante il sedicesimo sorvolo di Giove, da una distanza di 18 400 chilometri sullo strato più alto visibile delle nubi. La latitudine è circa 30°S. L’immagine grezza è stata poi riprocessata dai citizen scientist Gerald Eichstädt e Justin Cowart per ottenere questa bellissima immagine di Io.

Fonte: NASA Photojournal

Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
Storia di un campo magnetico morente
Un nuovo articolo pubblicato su Nature Geoscience ripercorre un episodio importante nella storia del nostro campo magnetico. Circa mezzo miliardo di anni fa la Terra lo stava infatti
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: