La supergigante e la supernova

A 65 milioni di anni luce di distanza da noi brillava una stella supergigante blu all’interno di un giovane ammasso stellare sito nella galassia a spirale NGC 3938, come mostrato in questa rappresentazione artistica.

Nel 2017, però, questa stella è esplosa in una supernova e sono poi state usate le foto dall’archivio di Hubble Space Telescope per risalire alla stella originaria, così come appariva nel 2007.

Questa stella aveva probabilmente una massa equivalente a quella di 50 soli e le reazioni nucleari, pur di contrastare la sua grande autogravità, bruciavano a più non posso, portandola rapidamente alla fine della sua vita.

La grande temperatura raggiunta ha causato l’espulsione dell’idrogeno e dell’elio dagli strati esterni, e questi due elementi non erano infatti visibili nella luce della supernova, cosa che l’ha portata ad essere classificata come supernova di tipo Ic.

Fonte: NASA/HST

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Due galassie interagenti per Hubble


Alcune galassie sono più difficili da classificare rispetto ad altre. Qui, la fotocamera del telescopio spaziale Hubble WFC3 ha scattatato un'incredibile fotografia di due galassie
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
Ascensore spaziale: dalla fantascienza dell'Onniologo ad una possibilità reale
Uno dei maggiori problemi dell'esplorazione spaziale è che occorre utilizzare una grande massa (il carburante) che si perde poco dopo il lancio.
Eclissi di Luna gennaio 2019, gli scatti degli utenti

Quella che segue è una raccolta di tutti gli scatti dell'eclissi di Luna del 21 gennaio 2019 che sono stati inviati nella nostra Community su Facebook.



Cliccate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: