Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere molti risultati di rilevanza scientifica. Le primissime analisi ci offrono una panoramica macroscopica delle caratteristiche di questo asteroide.

Innanzitutto, Ultima Thule è grande circa 33 km ed ha una forma a bilobata. Una struttura di questo tipo si pensa che possa formarsi a seguito dell’avvicinamento a bassa velocità relativa (dove per bassa si intende “minore di quella che ne causerebbe un impatto distruttivo”) dei due lobi formati come corpi separati dalla nube protoplanetaria.

Attorno all’asteroide non sembrano orbitare anelli o satelliti più grandi di 1.5 km. A causa delle limitazioni imposte dalla risoluzione dei dati non possiamo escludere che esistano, ma solo che se esistono sono più piccoli di tale valore. Ma non solo, Ultima Thule sembra essere costituito da sola nuda roccia, senza nessun tipo di atmosfera.

Il colore dell’asteroide, che già dà un’indicazione della sua composizione, è simile a quello di altri corpi simili della fascia di Kuiper analizzati per via telescopica. Inoltre questo colore è condiviso dai due lobi che caratterizzano la forma di Ultima Thule, i quali sembrano sostanzialmente identici in colore.

La trasmissione dei dati da New Horizons a Terra si interromperà per circa una settimana a causa del passaggio della sonda dietro al Sole, e verrà ripresa il 10 gennaio. A quel punto, la sonda impiegherà circa 20 mesi a trasmettere tutti i dati ottenuti, aprendo la strada a risultati di ben più ampio respiro rispetto a questi primi risultati preliminari.

Fonte: NASA New Horizons

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

5 curiosità su Isaac Newton
Ormai è diventato un'icona della scienza, dopo essere stato un matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo e alchimista inglese, Isaac Newton è celebrato come il più grande scienziato
C'è Spazio Per Tutti, Rat-Man arriva sull'ISS - Recensione del fumetto
Paolo Nespoli è un grande astronauta italiano, attualmente per la terza volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rat-Man è il simpaticissimo
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante
2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
La Morte di Cassini
Ci siamo quasi, si avvicina uno dei momenti più tristi del 2017. La sonda Cassini ci ha regalato tantissime fotografie e dati su Saturno, ma ormai è arrivato il momento di mandarla in pensione e perciò
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: