Un anello circumsolare per Mercurio

Anche Mercurio condivide la sua orbita con un denso anello di polveri. Una scoperta fortuita che fornisce indizi molto preziosi per la formazione planetaria e per l’analisi della radiazione proveniente dalla nostra stella. Lo studio pubblicato su The Astrophysical Journal.

Nel Sistema Solare c’è polvere ovunque, residuo della formazione planetaria, da impatti tra asteroidi o dal passaggio di comete in prossimità del Sole. Queste polveri tendono naturalmente a disporsi ad anello in concomitanza delle orbite planetarie, che si mostrano quindi come anelli di polvere con una breccia costituita dalla posizione del pianeta. Da tempo sappiamo che anelli di questo tipo si trovano attorno alla Terra e a Venere, ma la novità è che anche sull’orbita di Mercurio se ne può trovare uno, come hanno mostrato G. Stenborg, J. Stauffer ed R. Howard in un articolo pubblicato su The Astrophysical Journal.

Gli autori dell’articolo stavano raccogliendo informazioni per la costruzione di un modello che descrivesse l’ambiente che circonderà la Parker Solar Probe durante le sue osservazioni, e proprio mentre cercavano una regione priva di polveri si sono resi conto che la polvere era molto più densa del previsto in un anello lungo tutta l’orbita di Mercurio.

Questa scoperta è molto importante sia da un punto di vista dello studio dei processi di formazione planetaria, sia per quanto riguarda la studio del Sole. Quando si vuole studiare la Corona solare è infatti necessario separare la componente della luce che deriva direttamente dalla Corona e quella dovuta alle riflessioni sui grani di polvere, ma se non conosciamo le proprietà e la quantità di questi ultimi la faccenda si fa più complessa e l’errore sulle misure aumenta. Nel caso dello studio in questione, la polvere causava ad esempio un aumento di radiazione solare tra l’1% ed il 2%, implicando un aumento di densità della polvere anche fino al 5% rispetto a quella standard che si trova al di fuori degli anelli circumsolari.

È un risultato inaspettato, perché si riteneva che a quella piccola distanza dal Sole la polvere dovrebbe essere spazzata via dai venti solari, vista anche la piccola massa di Mercurio. Eppure eccola lì, a dimostrare ancora una volta che nella scienza non si smette mai di scoprire cose nuove, anche quando ci troviamo in un posto vicino e conosciuto come il Sistema Solare interno.

Fonte: The Astrophysical Journal

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dalla Meccanica Classica alla Teoria Quantistica dei Campi, passando per la Meccanica Quantistica
FISICA CLASSICA
La nascita della Meccanica Classica si può far risalire al 1687 con la pubblicazione dell’opera “Philosophiae
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
Che cosa sono e da dove vengono le comete?
Le comete sono degli oggetti con una lunga tradizione di osservazioni, che spesso si mescola alla storia, alla mitologia ed ai racconti popolari, a causa del loro aspetto spettacolare
A tutto plasma! - parte III
Nella prima parte abbiamo analizzato le cause del moto e di conseguenza i principi fisici dietro al funzionamento di qualsiasi propulsore (III principio della dinamica, conservazione della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: