Un elicottero marziano

Mars 2020 è la missione NASA che porterà un rover e nuova strumentazione scientifica sul Pianeta Rosso. Tra i vari dispositivi, un piccolo elicottero ha appena superato i test di volo.

Pesa appena 1,8 kg ed ha come obiettivo principale la dimostrazione tecnologica del volo nella tenue e talvolta fredda atmosfera marziana.

Close-up view of Mars Helicopter prototype
Il prototipo di volo. Credits: NASA/JPL/Mars2020

A febbraio 2021 l’elicottero arriverà sulla superficie di Marte insieme al rover di Mars 2020, ma si attenderanno alcuni mesi prima di iniziare i test di volo (di circa 90 secondi l’uno) sulla superficie marziana, vincendo il primato come primo volo dalla superficie di un altro pianeta.

I test in laboratorio si sono svolti cercando di ricreare il più possibile le condizioni atmosferiche marziane, in particolare per quanto riguarda la bassa densità dell’atmosfera marziana (circa 1% di quella terrestre) e la temperatura. Le temperature notturne di Marte possono infatti arrivare anche a -90°C e non è scontato che questo strumento riesca a sopravvivere e a volare a temperature così basse.

Per eseguirli il team del JPL ha costruito una camera da vuoto larga circa 7,62 metri, poi riempita di anidride carbonica (come la quasi totalità dell’atmosfera marziana) alla pressione di 6 mbar.

Un altro problema era quello della gravità, che su Marte è circa un terzo quella terrestre. Per “rimuovere” la gravità in più è stato quindi inserito un motore che accelerasse verso l’alto l’elicottero, contrastando la forza di gravità per due terzi.

Il prossimo volo sarà però su Marte, quello vero, a milioni di chilometri di distanza. Ce la farà il Mars 2020 Helicopter a sopravvivere nell’ostile ambiente marziano?

Fonte: NASA.gov

DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Le ultime immagini di Opportunity
Queste immagini sono le ultime prese da Opportunity prima che la sua ultima tempesta di polvere globale oscurasse il cielo, portando alla perdita definitiva delle comunicazioni con il
Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: