Mercurio dalla sonda MESSENGER

Queste immagini del pianeta Mercurio sono state ottenute con lo strumento Mercury Atmosphere and Surface Composition Spectrometer (MASCS) a bordo della sonda MESSENGER. MASCS aveva il compito di studiare l’esosfera e la superficie di Mercurio con l’obiettivo di studiarne la composizione mineralogica ed i processi superficiali. In particolare, nel pacchetto MASCS era presente lo spettrometro che lavorava nel visibile ed infrarosso, frequenze fondamentali per lo studio composizionale delle superfici planetarie. Qui i dati dello spettrometro sono stati sovrapposti al mosaico di MDIS, la fotocamera a bordo di MESSENGER.

Uno dei risultati più entusiasmanti dell’analisi ravvicinata di Mercurio è stata la conferma della presenza di grandi depositi di materiale eruttivo sulla superficie, indicando l’attività vulcanica passata del pianeta. La deposizione delle lave sembra essere l’origine delle grandi pianure visibili sulla superficie di Mercurio.

MESSENGER è stata la prima sonda ad orbitare attorno a Mercurio e, dotata di sette strumenti scientifici ha rivoluzionato la nostra conoscenza del pianetino più vicino al Sole. La sonda ha acquisito una grande mole di dati ed immagini in circa quattro anni di durata della missione, tra il 2011 ed il 2015 quando, finito il carburante, è stata fatta impattare sulla superficie di Mercurio.

Fonte: NASA/JPL

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Muore Alan Bean, il 4° uomo sulla Luna
26 maggio 2018,  Houston: all'età di 86 anni muore Alan Bean, il quarto astronauta ad aver camminato sulla Luna.
Bean ha viaggiato due volte nello spazio per un totale di 69 giorni.
Oltre le nubi di Venere

Con una pressione circa 90 volte quella terrestre ed una temperatura oltre il doppio della nostra, è un inferno di anidride carbonica avvolto da un banco di nubi di acido solforico. In questo
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: